Federico Cappello, il piccolo grande chef

Federico Cappello, autore del libro di ricette IL MIO SOGNO, grandi ricette di un piccolo chef… e cucinare diventa un gioco da ragazzi, sarà, nei prossimi giorni, protagonista di una serie di eventi, in cui potrete scoprire chi è, avendo anche l’occasione di incontrarlo.

Lunedì 1° dicembre, alle ore 18:00 in diretta su Rocknrollradio, sarà ospite delle due giornaliste di Mondo Rosa Shokking, Marta Casanova e Carlotta Pistone per Shokking Culture 

Shokking-Culture

Venerdì 5 dicembre alle 14:00 sarà nuovamente protagonista del programma di RaiDue Detto Fatto in cui cucinerà una delle sue ricette insieme alla simpatica Caterina Balivo

detto fatto tenda            10458870_360064314166221_5924325141213789512_n

Sabato 6 dicembre alle 16:00 presenterà il suo libro presso la Libreria Il Domani, a Milano, in piazza Cadorna 9, angolo via Carducci.

slide presentazione libreria il domani 6 dicembre

Il 13 e 14 dicembre sarà presente, con gli altri due finalisti di Junior MasterChef Italia, e Alessandro Borghese per alcuni show cooking, presso lo spazio  La Permanente di Via Turati a Milano in occasione della vendita di beneficenza di Missione Sogni Onlus

LOCANDINA MISSIONE SOGNI

VADO AL MASSIMO! terzo appuntamento speakeasy #sport

VENERDI’ 5 DICEMBRE, al Teatro Santuccio di via Sacco a Varese, terzo grande appuntamento di Speakeasy Varese: una serata all’insegna dello #sport e dell’#adrenalina.

Alle 19.30 aperitivo culturale a cura di EDIZIONI DESTE (con accesso libero) in compagnia di Andrea Fogarollo e del suo libro “Alan, storia di un sogno”, in cui ha conciliato la passione per la letteratura con quella per la bicicletta, raccontando la storia del primo telaio in fibra di carbonio che ha rivoluzionato la storia mondiale del ciclismo.

VADO AL MASSIMO!
VIZI E VIRTU’ DI UN RUNNERDIPENDENTE
Un monologo tutto di corsa! Una confessione ironica capace di raccontarci cosa sta dietro la nostra voglia di correre: un tuffo nel nostro rapporto con lo sport!

Di e con Paolo Mazzocchi
Testi di Marco Bosonetto e Paolo Mazzocchi
Aperitivo e servizio bar a cura di Twiggy Varese
Ingresso allo spettacolo delle 21:00, 10 – 8 Euro, prenotazione consigliata su www.teatrosantuccio.it/speakeasy
info 3421343593 – speakeasy@karakorumteatro.it
Rassegna a cura di Karakorum Teatro
comunicato stampa  speakeasy sport 5 dicembre
2 comunicato stampa  speakeasy sport 5 dicembre
3 comunicato stampa  speakeasy sport 5 dicembre
4 comunicato stampa  speakeasy sport 5 dicembre

Continua a leggere

Parlami della tua ombra

l’affascinante Sergio di Siero, ci conduce nei meandri dell’animo umano e ci parla di alchimie, trasformazioni e conoscenza, anche se a volte non sapere ci salvaguarda…

edizioni dEste

parlami300x200

Carl Jung, nella sua teoria psicanalitica, sosteneva che ogni individuo presenta una dualità, un’ombra oscura che dobbiamo imparare a conoscere, perchè non diventi il nostro peggior nemico.

Di quest’ombra parla Sergio di Siero che nel suo giallo, tramite la metafora dell’alchimia, conduce il lettore in una Napoli sotterranea, sconosciuta ai più, dove i protagonisti compiono il loro percorso verso la conoscenza.

Un romanzo psicologico, colto, artistico e intriso di spunti di riflessione in cui immancabilmente ci si ritrova a pensare alla propria esistenza, come fossimo davanti ad uno specchio in cui fatichiamo a guardarci.

View original post

domanda d’amore ormai scaduta e inservibile, ma ostinata fino all’indecenza.

E allora mi sono guardato negli occhi. Raramente ci si guarda, con se stessi, negli occhi, e pare che in certi casi questo valga per un esercizio estremo. Dicono che, immergendosi allo specchio nei propri occhi – con attenzione cruciale e al tempo stesso con abbandono – si arrivi a distinguere finalmente in fondo alla pupilla l’ultimo Altro, anzi l’unico e vero Sestesso, il centro di ogni esistenza e della nostra, insomma quel punto che avrebbe nome Dio. Invece, nello stagno acquoso dei miei occhi, io non ho scorto altro che la piccola ombra diluita (quasi naufraga) di quel solito niño tardivo che vegeta segregato dentro di me. Sempre il medesimo, con la sua domanda d’amore ormai scaduta e inservibile, ma ostinata fino all’indecenza.

Morante elsa 2

Elsa Morante

Aracoeli