sabato 1 aprile – jekill&hyde – dibattito e spettacolo

17425881_1103938259712193_1536160386104198645_n-2Il bene e il male possono coesistere nella stessa persona?
Quali sono i meccanismi che fanno emergere il nostro lato oscuro?
E’ possibile dominare la malvagità?
Si aprirà con un dibattito sulla dissociazione della personalità la prossima ed ultima serata di Speakeasy Varese
Appuntamento sabato 1 aprile, alle 17:30 al Globe Cafè Varese di via Sacco (di fronte al Comune) per un incontro guidato da Massimiliano Comparin, con Marta Zighetti, psicoterapeuta relazionale, autrice del saggio Essere Esseri Umani. Interverrà, per l’aspetto clinico, il Dottor Stefano Rosignoli, psichiatra.
14725668_979504358862924_719700453971457427_n
La serata poi si sposta, come di consueto, di qualche metro al Teatro Gianni Santuccio per lo spettacolo SV#7: Jekyll e Hyde + Candida Traiettoria Jazz Music
Ecco i dettagli:
Dalle 19.30 tutti al Teatro Gianni Santuccio per l’APERITIVO DI CONTRABBANDO a cura delL’Aquilone Cooperativa Sociale.

Alle 20.15 chiudiamo la stagione della MUSICA DI CONTRABBANDO con il duo tutto varesino #CandidaTraiettoria di Emiliano Candida e Rocco Traettino

Alle 21.00 SPETTACOLO: JAKYLL E HYDE, UNO STRANO CASO
Cos’è il male? Una certa luce negli occhi, viltà, egoismo, disprezzo, odio, invidia… ma non può in nessun modo essere riassunto da nessuno di questi. Il male è forse qualcosa di innominabile e inesprimibile, tanto quanto il bene…
Tratto dall’omonimo romanzo di R. L. Stevenson, lo spettacolo racconta la storia del dottore inglese Henry Jekyll che, in seguito ad alcuni esperimenti condotti con l’obiettivo di separare – all’interno di un singolo uomo – il “bene” dal “male”, inizia a trasformarsi in un doppelganger: Edward Hyde.
Hyde incarna questo “male assoluto”, Jekyll però, alla costante ricerca di un equilibrio fra la morale pubblica, i propri istinti e la propria etica personale, non è il “bene assoluto”, ma solamente “la normalità”.
Di Emanuele Aldrovandi
con Luca Cattani, Cecilia Di Donato, Marco Oscar Maccieri, Marco Merzi, Marco Sforza, Alessandro Vezzani
Regia Marco Maccieri e Angela Ruozzi
Musiche originali eseguite dal vivo da Marco Sforza
scene Antonio Panzuto
realizzazione scene Donatello Galloni e Alice Benazzi
costumi Francesca Dell’Orto
Disegno luci Fabio Festinese.

Durante la serata, in pieno stile Speakeasy Varese la giovane autrice indipendente Susanna Miotto presenterà al pubblico varesino il suo primo libro: IL NOTTURNO, un’avvincente storia fantasy con un protagonista tormentato capace di incarnare al tempo stesso l’idea di mito e quella di mostro…

Ingresso alla serata: 10/8 Euro (ridotto per studenti, attori professionisti e per chi verrà in teatro in bicicletta)

Aperitivo 5 Euro (con uno sconto se non sprechi e porti il tuo bicchiere da casa!)

Info e prenotazioni
http://www.karakorumteatro.it/sv7-jakyll-e-hyde-uno-strano-caso

secondo me una donna

secondo me una donna…
#8marzo #festadelladonna #giorgiogaber

edizioni dEste

Secondo me la donna, e l’uomo, sono destinati a diventare, uguali. In questa nostra epoca, la civiltà si è data un gran da fare, per attenuare certe differenze che erano causa di profonda ingiustizia. C’è stato un graduale avvicinamento, nel modo, di comportarsi, di sentire, di pensare. Insomma, di vivere. Fino alla tanto sospirata parità. Però, secondo me all’inizio di tutto, c’è sempre una donna.
Secondo me, la donna è donna da subito. Un uomo è uomo a volte prima, a volte dopo. A volte mai.
Secondo me una donna è coinvolta sessualmente, in tutte le vicende della vita. A volte persino nell’amore.
Secondo me, una donna innamorata imbellisce. Un uomo… rincoglionisce.
Secondo me in un salotto, quando non c’è neanche una donna, è come recitare in un teatro vuoto. Se invece non c’é neanche un uomo, tra le donne si crea una complice atmosfera di pace. Appena arriva…

View original post 311 altre parole