Gianni Spartà – dimmi perchè parti – recensione di Luigi Pastore

La mia opinione  è che il libro sia una metafora dei tre elementi fisici che determinano la vita degli esseri umani:

Spazio, tempo e velocità.

La scelta di una velocità condizionata dalla fatica muscolare da un’idea della dimensione del tempo dell’autore.

Infatti la velocità relativa degli oggetti in movimento cambia il tempo ed è ancora la velocità a determinare lo scorrere relativo del tempo.

Tempo che è ambiguo e dilatato, come ben sapevano gli antichi greci che lo descrivevano in tre modi, cronos, kairos ed aion, ma il tempo di Spartà non è quello lineare delle primi aggregati umani di cacciatori/raccoglitori, ne quello ciclico degli agricoltori, non quello alternato dei mercanti e degli artigiani rinascimentali, men che meno quello modulare e serializzato della rivoluzione industriale e neppure quello quantico e accelerato dell’era digitale.

E’ un tempo “proprio”.

“Abitiamo il tempo”, affermava M. Heidegger, ma non tutti allo stesso modo.

Possiamo scegliere di abitare quello che velocizza, marginalizza, accresce le disuguagliante, concentra i redditi su pochi, esacerba l’individualismo e l’egoismo sociale, cancella il lavoro e lo sostituisce con gli algoritmi dell’intelligenza artificiale, pauperizza i beni comuni e annienta la natura.

Oppure, come fa l’autore, il tempo della lentezza, dell’equilibrio, della socialità, della condivisione, dell’inclusione, del benessere che arriva dai nodi di relazione tra gli esseri umani, non mediati dai cip e dal gratificarsi per la bellezza del paesaggio e del territorio che ci permette di riassaporare il valore delle emozioni, dei sentimenti, della passione, dei rapporti con gli individui e l’ambiente circostante.

Questo per riscoprire le vere priorità che non sono le urgenze che efficentizzano, ma non efficacizzano e dare al tempo il giusto peso, anche quando in minima parte lo investiamo nella lettura di un libro che al di là della bellezza espositiva e della capacità narrativa, ci da anche l’occasione di riflettere su ciò che conta veramente.

Luigi Pastore

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...