storie d’impresa [av]vincenti

cover ita

 

Titolo: storie d’impresa [av]vincenti

Autore: AA.VV.

Isbn: 9788898726509

Prezzo: 0,00€ (freedownload)

Formato: epub, mobi e pdf

Questa pubblicazione è parte del progetto Mamma che impresa!, un laboratorio che promuove la cultura di impresa, nato per iniziativa di Rancilio Cube e aperto a collaborazioni e sinergie.

Le storie di nove luminose case history imprenditoriali, raccontate, insieme a scrittori professionisti, da chi le ha fondate e le conduce, e i racconti che hanno vinto un concorso letterario nazionale per gli studenti delle scuole italiane, indetto per avvicinare i più giovani all’idea dell’imprenditorialità e alla sua importanza.

A fare da fil rouge vi è uno dei dieci racconti dei giovanissimi, straordinariamente capace di percorrere tutti gli elementi salienti della migliore imprenditorialità.

Dopo #librosospeso, dedicato all’incredibile storia di una giovane libraia, si riconferma il sodalizio fra Rancilio Cube e Edizioni dEste, casa editrice orientata all’innovazione e attenta al pubblico dei giovani, con l’ulteriore apporto di Feduf Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio che ha promosso il premio per le scuole.

Il viaggio di esplorazione di Mamma che impresa! continua. Altre storie racconteremo.

ecco le piattaforme da cui è possibile scaricare l’ebook in fredownload nei formati epub, mobi e pdf

http://www.amazon.it/storie-dimpresa-vincenti-mamma-impresa-ebook/dp/B019ERQ7PQ/ref=sr_1_22?ie=UTF8&qid=1450450149&sr=8-22&keywords=edizioni+deste

http://store.streetlib.com/storie-d-impresa-av-vincenti

https://www.bookrepublic.it/book/9788898726509-storie-dimpresa-avvincenti/

https://store.kobobooks.com/it-it/ebook/storie-d-impresa-av-vincenti

Annunci

la lettera di Abramo Lincoln all’insegnante del figlio

Caro professore, insegni al mio ragazzo che non tutti gli uomini sono giusti, non tutti dicono la verità; ma la prego di dirgli pure che per ogni malvagio c’è un eroe, per ogni egoista c’è un leader generoso. Gli insegni, per favore, che per ogni nemico ci sarà anche un amico e gli faccia capire che vale molto più una moneta guadagnata con il lavoro che una moneta trovata. Gli insegni a perdere, ma anche a saper godere della vittoria, lo allontani dall’invidia e gli faccia riconoscere l’allegria profonda di un sorriso silenzioso.

Lo lasci meravigliare del contenuto dei suoi libri, ma gli conceda anche il tempo per distrarsi con gli uccelli nel cielo, i fiori nei campi, le colline e le valli. Nel gioco con gli amici, gli spieghi che è meglio una sconfitta onorevole di una vergognosa vittoria, gli insegni a credere in se stesso, anche se si ritrova solo contro tutti. Gli insegni ad essere gentile con i gentili e duro con i duri e gli faccia imparare a non accettare le cose solamente perché le hanno accettate anche gli altri. Gli insegni ad ascoltare tutti ma, nel momento della verità, a decidere da solo. Gli insegni a ridere quando è triste e gli spieghi che qualche volta anche i veri uomini piangono. Gli insegni ad ignorare le folle che chiedono sangue e lo esorti a combattere anche da solo contro tutti, quando è convinto di aver ragione. Lo tratti bene, ma non da bambino, perché solo con il fuoco si tempera l’acciaio.

Gli faccia conoscere il coraggio di essere impaziente e la pazienza di essere coraggioso. Gli trasmetta una fede sublime nel Creatore e gli insegni ad avere fiducia anche in se stesso, perché solo così può avere fiducia negli uomini. So che le chiedo molto, ma veda cosa può fare, caro maestro

Abraham Lincoln

(originally posted by una semplice questione di civiltà: una legge contro la tortura)

lincoln