sabato 1 aprile – jekill&hyde – dibattito e spettacolo

17425881_1103938259712193_1536160386104198645_n-2Il bene e il male possono coesistere nella stessa persona?
Quali sono i meccanismi che fanno emergere il nostro lato oscuro?
E’ possibile dominare la malvagità?
Si aprirà con un dibattito sulla dissociazione della personalità la prossima ed ultima serata di Speakeasy Varese
Appuntamento sabato 1 aprile, alle 17:30 al Globe Cafè Varese di via Sacco (di fronte al Comune) per un incontro guidato da Massimiliano Comparin, con Marta Zighetti, psicoterapeuta relazionale, autrice del saggio Essere Esseri Umani. Interverrà, per l’aspetto clinico, il Dottor Stefano Rosignoli, psichiatra.
14725668_979504358862924_719700453971457427_n
La serata poi si sposta, come di consueto, di qualche metro al Teatro Gianni Santuccio per lo spettacolo SV#7: Jekyll e Hyde + Candida Traiettoria Jazz Music
Ecco i dettagli:
Dalle 19.30 tutti al Teatro Gianni Santuccio per l’APERITIVO DI CONTRABBANDO a cura delL’Aquilone Cooperativa Sociale.

Alle 20.15 chiudiamo la stagione della MUSICA DI CONTRABBANDO con il duo tutto varesino #CandidaTraiettoria di Emiliano Candida e Rocco Traettino

Alle 21.00 SPETTACOLO: JAKYLL E HYDE, UNO STRANO CASO
Cos’è il male? Una certa luce negli occhi, viltà, egoismo, disprezzo, odio, invidia… ma non può in nessun modo essere riassunto da nessuno di questi. Il male è forse qualcosa di innominabile e inesprimibile, tanto quanto il bene…
Tratto dall’omonimo romanzo di R. L. Stevenson, lo spettacolo racconta la storia del dottore inglese Henry Jekyll che, in seguito ad alcuni esperimenti condotti con l’obiettivo di separare – all’interno di un singolo uomo – il “bene” dal “male”, inizia a trasformarsi in un doppelganger: Edward Hyde.
Hyde incarna questo “male assoluto”, Jekyll però, alla costante ricerca di un equilibrio fra la morale pubblica, i propri istinti e la propria etica personale, non è il “bene assoluto”, ma solamente “la normalità”.
Di Emanuele Aldrovandi
con Luca Cattani, Cecilia Di Donato, Marco Oscar Maccieri, Marco Merzi, Marco Sforza, Alessandro Vezzani
Regia Marco Maccieri e Angela Ruozzi
Musiche originali eseguite dal vivo da Marco Sforza
scene Antonio Panzuto
realizzazione scene Donatello Galloni e Alice Benazzi
costumi Francesca Dell’Orto
Disegno luci Fabio Festinese.

Durante la serata, in pieno stile Speakeasy Varese la giovane autrice indipendente Susanna Miotto presenterà al pubblico varesino il suo primo libro: IL NOTTURNO, un’avvincente storia fantasy con un protagonista tormentato capace di incarnare al tempo stesso l’idea di mito e quella di mostro…

Ingresso alla serata: 10/8 Euro (ridotto per studenti, attori professionisti e per chi verrà in teatro in bicicletta)

Aperitivo 5 Euro (con uno sconto se non sprechi e porti il tuo bicchiere da casa!)

Info e prenotazioni
http://www.karakorumteatro.it/sv7-jakyll-e-hyde-uno-strano-caso

I FATTI DELLA UNO BIANCA – 4 marzo – speakeasy varese

TERZO APPUNTAMENTO DEL 2017 PER SPEAKEASY VARESE
Il 4 marzo torna Michele di Giacomo per Alchemico Tre a raccontare i FATTI DELLA UNO BIANCA.

dsc_5845

Speakeasy Varese, il progetto di Karakorum Teatro con la direzione artistica di Stefano Beghi e con il sostegno di Eolo e della Fondazione del Varesotto, arriva al sesto appuntamento della stagione, ancora una volta una forte tematica civile.
In scena LE BUONE MANIERE prodotto da Alchemico Tre per riflettere su un capitolo della cronaca nera italiana che ha lasciato un segno nella memoria di tutti.

A distanza di 30 anni dal primo colpo della Banda della Uno bianca al casello autostradale di Pesaro (19 giugno 1987), il romagnolo Michele di Giacomo, affidandosi al testo di Michele Di Vito e alla consulenza drammaturgica di Magdalena Barile, ne ripercorre le tappe attraverso solo uno dei suoi protagonisti: Fabio Savi. Uno degli assassini più feroci della storia italiana, che per anni, con i fratelli Alberto e Roberto, entrambi poliziotti, mise a segno decine di rapine, uccise 24 persone e ne ferì un centinaio, incarnando fino all’arresto un incubo per chiunque vivesse in Emilia-Romagna. In un serrato monologo Di Giacomo tenta di indagare nell’animo umano per far luce su quell’istinto animale che ci porta a compiere azioni scellerate. ripercorrendo la storia dell’assassino nella sua cella da ergastolano. E’ il ritratto di un uomo comune, senza alcuna caratteristica da eroe che si è macchiato di tanti orribili delitti per un’avidità di denaro che ne ha cancellato qualunque scrupolo morale: emerge la figura di un uomo senza alcun ideale, nessuna organizzazione criminale a proteggerlo, nessun legame con la falange armata, la camorra, i servizi deviati: animato solo da scopi di lucro, razzismo e un rambismo arrogante. Perché nessuno scenario misterioso sembra nascondersi dietro questa vicenda: solo la banalità del male…

La serata è patrocinata da LIBERA VARESE che ci aiuterà a mettere un’importante attenzione sui temi della criminalità anche nel nostro territorio.

Dalle 17.00 infatti, presso i locali del Globe Cafè (Varese, via sacco 4) l’approfondimento curato da EDIZIONI DESTE e moderato da Massimiliano Comparin al centro della riflessione la cronaca nera che ha tristemente reso famoso il nostro territorio. Grazie alla partecipazione di Gianni Spartà e Silvestro Pascarella la cronaca, il silenzio, legalità e giustizia al centro della chiacchierata in preparazione della serata.

Dalle 19:30 si apre il Teatro Santuccio per l’aperitivo curato dal progetto Edubar della Cooperativa Sociale L’Aquilone e alle 20:15 come sempre spazio alla musica indipendente con il live del cantautore milanese ENZO BECCIA.

Alle 21.00 SPETTACOLO: LE BUONE MANIERE
Testo di Michele Di Vito, Regia di Michele di Giacomo, Consulenza drammaturgica Magdalena Barile Scene e costumi Roberta Cocchi e Riccardo Canali Suono Fulvio Vanacore.

Durante tutta la serata sarà esposta in teatro a cura del collettivo VA’RESE – MICROVALORIZZAZIONE DEL QUOTIDIANO la mostra fotografica di Marco Zanini MAPPING MAFIA in collaborazione con Libera Varese che racconta con le immagini la presenza della mafia nella città.

Ingresso alla serata: 10/8 Euro (ridotto per studenti, attori professionisti e per chi verrà in teatro in bicicletta)
Aperitivo 5 Euro (con uno sconto se non sprechi e porti il tuo bicchiere da casa!)
Info e prenotazioni http://www.karakorumteatro.it/sv6-le-buone-maniere

Fb: http://www.facebook.com/speakeasyteatrodicontrabbandohttp://www.facebook.com/KarakorumTeatro Website: http://www.karakorumteatro.it

Il 4 febbraio Diego Runko racconta l’ESODO Istriano

SECONDO APPUNTAMENTO DEL 2017 PER SPEAKEASY VARESE

Il 4 febbraio Diego Runko racconta l’ESODO Istriano

81
Speakeasy Varese, il progetto di Karakorum Teatro con la direzione artistica di Stefano Beghi e con il sostegno di Eolo e della Fondazione del Varesotto, arriva al quinto appuntamento della stagione, il primo con una forte tematica civile: in scena ESODO Pentateuco#2 della compagnia milanese La Confraternita del Chianti per affrontare il tema della migrazione da un’angolatura decisamente innovativa.
Rudi non è mai emigrato, ma tanti ne ha visti partire. E’ un istriano di Pola, come il bambino di dieci anni a cui decide di raccontare la sua storia. Una storia rocambolesca fatta di bombe, di zanzare, di barche e di Alida Valli.
Diego Runko recita in quattro lingue per dar vita al giornalista croato alle prime armi, al soldato inglese tifoso del Liverpool, al sacerdote partigiano, al ragazzo di Pola che pesca con le bombe per la prima volta in vita sua.
A fare da cornice, due date simbolo: il 25 giugno 1991, giorno dell’Indipendenza della Croazia, e il 18 agosto 1946, giorno in cui un’esplosione sulla spiaggia di Vergarolla segna simbolicamente l’inizio dell’Esodo. Un’esplosione che uccide più di sessanta persone, ma che non viene rivendicata da nessuno. Sono trascorsi settant’anni e ancora non si conoscono i nomi dei colpevoli.

Gli istriani sono stati, e sono tuttora, abituati ad accogliere piuttosto che a respingere, e gli stati a cui questa terra, negli anni, è appartenuta, hanno sempre cercato di far prevalere la propria nazionalità: ma cos’è che noi chiamiamo casa?
Lo spettacolo vincitore del Premio Museo Cervi – Teatro per la Memoria 2016 e del Concorso Nazionale di Drammaturgia Civile “Giuseppe Bertolucci” è coprodotto da Dramma Italiano di Fiume – Teatro Nazionale Croato Ivan De Zajc. E’ il secondo capitolo del progetto Pentateuco: cinque monologhi (prodotti dalla compagnia in collaborazione con altri teatri e compagnie europee) che prendono ispirazione dai primi 5 libri della Bibbia per parlare delle diverse facce della migrazione.
Il programma della serata sarà come sempre molto ricco e con una novità pomeridiana che esce dal teatro:
Alle 17.00 presso il Cafè La Cupola (Varese, Piazza Giovani XXIII) Edizioni dEste organizza per l’occasione un INCONTRO-DIBATTITO sul doloroso capitolo dell’esodo istriano moderato da Massimiliano Comparin e con la partecipazione di Giacomo Fortuna dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia. Al centro del dibattito, oggi come allora, una domanda: restare o partire?
Dalle 19:30 si torna al Teatro Santuccio per l’aperitivo curato dal progetto Edubar della Cooperativa Sociale L’Aquilone e alle 20:15 come sempre spazio alla musica indipendente con il live del cantautore milanese MERCURI.
Alle 21.00 SPETTACOLO:  ESODO Pentateuco#2

Ingresso alla serata: 10/8 Euro (ridotto per studenti, attori professionisti e per chi verrà in teatro in bicicletta)

Aperitivo 5 Euro (con uno sconto se non sprechi e porti il tuo bicchiere da casa!)

Info e prenotazioni speakeasy@karakorumteatro.ithttp://www.karakorumteatro.it/sv5-esodo

Fb: http://www.facebook.com/speakeasyteatrodicontrabbandohttp://www.facebook.com/KarakorumTeatro

Website: http://www.karakorumteatro.it

Sabbia e nebbia, misteri letterari – Milano Bookcity 2016

Sabato 19 novembre dalle ore 10:30 alle ore 11:30
Casa Museo Boschi Di Stefano
Via Jan, 15, 20129 Milano

http://www.bookcitymilano.it/eventi/2016/sabbia-e-nebbia-misteri-letterari

Un incontro sui misteri della vita vera e della fantasia e sul potere della narrativa di inventarli e raccontarli. O viceversa.
Il giornalista e scrittore Paolo Colonnello conversa con Tiziano Marelli, scrittore, giornalista e autore di Troppa nebbia nel cuore, Sabrina Minetti, editor di EDIZIONI DESTE, e Miriam Bait
Due enigmi, fra nebbia e sabbia.
Esiste e dov’è Stefano, il fratello misterioso che Tiziano cerca nel suo noir di formazione autobiografico e nella vita vera? Troppa nebbia nel cuore è anche un “messaggio nella bottiglia”: Marelli spera di rintracciare Stefano attraverso il suo libro.
E chi è Eva F Dewalker, autrice di Sabbia – Sand, ma anche protagonista del romanzo, storia sentimentale marinara ambientata in un borgo dalla magica spiaggia?
Paolo Colonnello, con il supporto degli ospiti e di Angela Varani illustratrice, cercherà di dare un volto a Stefano e Eva F. Ci riuscirà?

sabbia

Marelli4

Viaggio nell’essere umano – Milano Bookcity 2016

Domenica 20 novembre dalle ore 12:00 alle ore 13:30
Circolo Filologico Milanese
Via Clerici,10, 20121 Milano

http://www.bookcitymilano.it/eventi/2016/viaggio-nellessere-umano

Conferenza con dibattito interattivo: uno sguardo sull’uomo nel percorso di sviluppo e crescita dell’intera umanità e del singolo individuo, attraverso la lente delle neuroscienze e della psicotraumatologia che, oggi, possono spiegare e confermare alcuni aspetti salienti dell’essere umano che le altre discipline avevano soltanto intercettato.
Intervengono
– Marta Zighetti, psicoterapeuta e autrice del saggio edito da EDIZIONI DESTE, Essere Esseri Umani
– Francesco Chiavarini, giornalista
– Massimiliano Comparin, scrittore e direttore editoriale di EDIZIONI DESTE

14725668_979504358862924_719700453971457427_n