L’ora di coaching – Bookcity 2018

All’interno di BookCity Milano 2018, settima edizione, 15-18 novembre
Con Fabrizio Decio e Massimiliano Comparin

Domenica 18 novembre 2018 dalle ore 15:00 alle 17:00
 Centrale District Starhotels E.c.ho. Viale Andrea Doria, 4, 20124 Milano MI

L’evento presenta il coaching in modo interpersonale e interattivo dove gli intervenuti potranno assaporare le dinamiche del coaching vivendole in prima persona. Fabrizio Decio guiderà l’incontro proponendo dinamiche, riflessioni e strumenti di uso immediato:
-sviluppo personale
-motivo+azione
-credenze
-soluzioni

All’evento non sarà necessario prepararsi o prendere appunti, basterà partecipare con attitudine positiva non dando nulla per scontato… il resto sarà una scoperta, un viaggio introspettivo che si concluderà con una nuova consapevolezza e qualche strumento in più.

Con Fabrizio Decio, coach e autore del libro Don’t walk in vain, ©2017 Edizioni dEste
©2017 Fabrizio Decio
Massimiliano Comparin, moderatore

https://bookcitymilano.it/eventi/2018/lora-di-coaching?fbclid=IwAR2QsnxSdvCVpuobr0rmNRlfhfuW0YA9JwFtCfBbEdGO9NGORYL2qGM8YUM

22554996_10213468271357923_8338013543102229337_n

Annunci

Benedetto Croce: pensiero politico e costituzionale – Cristiano De Sanctis

Un saggio sul pensiero di Benedetto Croce, “costretto per sincero interesse e brama di chiarezza a filosofare”, e sulla sua azione politica. Cristiano De Sanctis parte dalla descrizione dello sviluppo del sistema filosofico di Croce fin dai suoi primi studi sul concetto e il rapporto tra arte, scienza e storia. L’autore si sofferma poi sulla critica crociana al Marxismo arrivando, infine, alla elaborazione del pensiero sulla Filosofia dello Spirito. Croce si accosta fin da giovane alle teorie di Francesco De Sanctis, considerato suo maestro di metodologia storica-letteraria, oltre che alla filosofia idealista di Johann Friedrich Herbart. Grazie ai propri saggi sul marxismo e il materialismo storico, nonché alle interpretazioni di Engels, Croce si avvicina criticamente a Hegel per costruire il suo sistema filosofico. Con l’analisi dell’opera Etica e Politica, Cristiano De Sanctis espone il pensiero politico di Croce, la sua visione etica dello stato e la  concezione liberalista come costante condotta di vita e fonte di un dissidio interiore fra la scelta di dedicarsi interamente agli studi e quella di fornire il proprio contributo civile. Infine, l’autore esamina la partecipazione di Croce alle vicende politiche dall’armistizio del 1943 fino alla formazione e all’attività dell’Assemblea costituente e ripercorre i suoi interventi da Padre Costituente e la sua difesa dei principi di libertà su cui aveva fondato la propria vita.

Autore: Cristiano De Sanctis

ISBN: 9788898726837

prezzo di copertina: € 2,99

formato: eBook

uscita: ottobre 2018

croce_deStanctis

Cristiano De Sanctis, nato nel 1973 a Roma, ha da sempre coltivato la passione per gli studi letterari e storici, così da conseguire con successo la Laurea in Lettere Moderne e la Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari presso l’Università La Sapienza di Roma.

Non ha d’altronde trascurato l’attenzione all’attualità politica e sociale approfondita con le Lauree in Scienze della Pubblica Amministrazione e in Studi Europei presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università Roma Tre.

Dato il vivo interesse per l’ambiente delle biblioteche e delle ricerche bibliodocumentali attualmente lavora come bibliotecario presso l’Università La Sapienza, mantenendo fermo il desiderio di conoscenza in varie discipline ed aggiornamento sulle scienze biblioteconomiche.

La sua condizione di disabilità fisica non gli ha impedito di raggiungere con ottimi risultati gli obiettivi desiderati.

DE SANCTIS PER BIO (2)

Guido Castelli, Coi piedi per terra

C’è bisogno di territorio, di relazioni, di comunità per ridare anima alla politica; affinché la politica possa aiutare i cittadini a risolvere i problemi. D’altronde è a questo che dovrebbe servire. Ma senza avere i piedi ben piantati per terra, nei territori, nella realtà – come il gigante Anteo della mitologia – la politica ha perso credibilità ed efficacia. Da qui vuole ripartire Guido Castelli, sindaco di Ascoli Piceno da quasi dieci anni, delegato dell’Anci (l’Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia) alla finanza locale, candidandosi (non da oggi) come “apostolo dei Comuni”, in un’Italia da sempre terra di municipalismi e di vocazioni autonomiste (Guido Castelli, “Coi piedi per terra”, Edizioni dEste, 176 pagine, 12 euro).

La ricetta dell’autonomia e della sussidiarietà è l’unica – secondo Castelli – che può ridare fiato e futuro a un Paese in affanno: dalla burocrazia ingessata, più attenta ad adempiere che a funzionare, alle macerie non rimosse a due anni dal terremoto; dalla crisi della rappresentanza all’emergenza sicurezza; dalla paura e dalla rabbia che covano ovunque alla speranza di una politica che ritrovi la P maiuscola.

“Il nostro Paese soffre da sempre di una distanza tra cittadini e Istituzioni – scrive Castelli – che si radica sulla percezione di uno Stato “nemico”. Rapace, ostile, separato dalla vita reale. Una nuova cultura dello Stato ha bisogno dei territori, della loro vivacità, del loro buon senso. È nel territorio che vive la comunità, è nel territorio che si manifesta la solidarietà e la coesione sociale”. Castelli che non si augura “un partito dei sindaci”, ma è convinto che la classe dirigente, che nei sindaci d’Italia si è costruita e manifestata, possa “contaminare con la propria cultura di governo partiti e movimenti politici”.

Eppure i sindaci sono stati presi in trappola – scrive Castelli – “tra l’accusa di omissione di atti di ufficio, se non fanno, e quella di abuso d’ufficio se fanno troppo o troppo velocemente. È una follia. Troppe norme e scritte troppo male affidano tutto all’interpretazione”.

La politica credibile non rinasce con la tecnocrazia, ma con la buona amministrazione dei territori in cui vivono comunità, imprese e famiglie. Il verbo autonomista e federalista può riproporsi per riaffermare la centralità della terra e dei territori, del principio di sussidiarietà. Per un’Italia dei Comuni che sa e può fidare progetti e futuro ai suoi cittadini. “Mi consento una provocazione – aggiunge Castelli nel suo libro-pamphlet – non è forse tempo di dire ‘basta riforme’? Spesso le riforme restano sulla carta, in attesa di decreti attuativi che arrivano tardi, rispetto al ‘bisogno di riforme’, e altrettanto spesso sono mal scritti. E ancora più spesso le riforme non cancellano il passato, ma complicano ulteriormente il futuro”. E infatti Guido Castelli aveva scritto due anni fa un pamphlet contro la riforma costituzionale proposta da Matteo Renzi (Guido Castelli, “No, caro Matteo”, edizioni dEste, pagine 128, euro 12), proprio per evitare quel pasticciato aggiustamento della realtà, per successive e incoerenti riforme, che ha caratterizzato gli ultimi decenni della vita nazionale.

 

cover castelli per stampa

Autore: Guido Castelli

Genere: saggistica, politica

Formato tipografico: brossura

Pagine: 176

Prezzo: 12 euro

ISBN: 9788898726813

Uscita: 21 luglio 2018

Disponibile anche nel formato eBook, ISBN: 9788898726820

Sinossi: Dalla burocrazia ingessata, più attenta ad adempiere che a funzionare, alle macerie non rimosse a due anni dal terremoto. Dalla crisi della rappresentanza all’emergenza sicurezza. Dalla paura e dalla rabbia che covano ovunque alla speranza di una politica che ritrovi la P maiuscola. Possibile? E’ la scommessa del libro di Castelli che non si augura “un partito dei sindaci”, ma è convinto che la classe dirigente, che nei sindaci d’Italia si è costruita e manifestata, possa “contaminare con la propria cultura di governo partiti e movimenti politici”. La politica credibile non rinasce con la tecnocrazia, ma con la buona amministrazione dei territori in cui vivono comunità, imprese e famiglie. Il verbo autonomista e federalista può riproporsi per riaffermare la centralità della terra e dei territori, del principio di sussidiarietà. Per un’Italia dei Comuni che sa e può fidare progetti e futuro ai suoi cittadini.

 

Guido Castelli è sindaco di Ascoli Piceno dal 2009. È responsabile Anci (Associazione Nazionale Comuni d’Italia) per la finanza locale. È il presidente di Ifel (Istituto per la Finanza e l’Economia Locale). Sposato, padre di un figlio. È avvocato cassazionista. Ha pubblicato nel 2016 “No, caro Matteo” per le Edizioni dEste. Alimenta un blog su “Huffington Post” e ne cura uno personale http://www.guidocastelli.it.

foto guido castelli.jpg

Dimmi perché parti – Gianni Spartà – eBook

E’ uscito oggi nella versione eBook, il diario di viaggio del giornalista Gianni Spartà, Dimmi perché parti, con la prefazione del campione di ciclismo Vincenzo Nibali. Un libro che vi condurrà per i luoghi più suggestivi e spirituali della nostra bella Italia e del mondo, con incontri incredibili, soprattutto dal punto di vista umano.

Lo trovate su tutte le librerie digitali

DIMMI PERCHE’ PARTI – in bici, a piedi, in barca, sulle ali

copertina sparta fronte

Gianni Spartà

©2017EdizionidEste

©2017GianniSpartà

ISBN: 9788898726790

Genere: viaggi, sport, cicloturismo, saggistica

Formato: ebook

Prezzo: 4,99 €

Uscita: dicembre 2017

A questo libro ho pensato da una sella di bicicletta mentre in nove tappe andavo in Sicilia, in cinque a Parigi, in sette dalla Toscana alle Marche attraverso l’Italia più bella. Ho imparato di più camminando e pedalando che intervistando industriali, ministri, criminali e monsignori. Ho accumulato più conoscenza incontrando viandanti che consultando documenti di personaggi entrati nella storia. “Meglio aggiungere vita ai giorni che giorni alla vita.” Me lo disse Rita Levi Montalcini che si è goduta 103 primavere. In bici, a piedi, in barca e sulle ali, recita il sottotitolo di questo libro. E allora se la bici è passione inestinguibile e quindi Fuoco, i piedi sono Terra, la barca è Acqua e le ali sono ovviamente Aria. In queste immagini troviamo la suggestione dei quattro elementi declinati nelle quattro possibili forme del viaggio dell’anima, lungo un’intera vita.

Luigi Pastore presenta “Insostenibilità” su rete104, per La versione di Jeff

Martedì 7 novembre, dalle ore 19.00 alle 21.00 ritorna La Versione di Jeff, su Rete104, come sempre condotto da Francesca Fiori, Pietro Galli e … naturalmente, Jeff.
Nella puntata di martedì sarà ospite Luigi Pastore per raccontare del suo ultimo libro, “Insostenibilità. L’alternativa e sei passaggi per attuarla”.


Potete ascoltare la trasmissione, oltre che sulle frequenze di Rete104 (a Lecco 98.400) anche in streaming dal sito http://www.rete104.it o sull’app di Rete104; potete anche intervenire in diretta con sms o Whatsapp al 33.57.104.104 – email diretta@rete104.it o telefono 0341.287050.
versione jeff
Sul sito trovate le frequenze della zona:

COMO E PROVINCIA (92.900)
LUGANO E CANTON TICINO (95.300)
SONDRIO E LIMITROFI (96.700)
BERGAMO (97.550)
BRIANZA EST (97.600)
LECCO E BRIANZA (98.400)
VALCHIAVENNA E MADESIMO (98.800)
VALTELLINA (98.800)
ALTA VALSASSINA E LAGO (99.500)
BERGAMASCA (100.600)
CREMA E LIMITROFI (101.500)
ALTOPIANO VALSASSINA (104.100)
ALTO LAGO (104.700)
LAGO SPONDA LECCO (108.000)

Insostenibilità

Autore: Luigi Pastore

©2017Edizionideste

©2017LuigiPastore

Genere: saggistica, economia, sociologia

Formato tipografico: 18,00€

Pagine: 232

ISBN: 9788898726776

Uscita prevista:  novembre 2017

pastore

Il Mondo è ostaggio di un’economia finanziarizzata e lineare concentrata solo sul presente che con la presunzione illusoria di una crescita continua distrugge risorse non rinnovabili a ritmi non sostenibili, accelera i cambiamenti climatici che innestano conflitti e migrazioni bibliche, accresce le disuguaglianze e l’esclusione sociale e che con la crescente diffusione di automazione e intelligenza artificiale sottrae il lavoro e il reddito a milioni di cittadini. Sembrerebbe uno scenario senza speranza, un piano inclinato sul quale scivola la prospettiva di sopravvivenza stessa per il genere umano. Il libro analizza le criticità, costringe alla riflessione sull’utilizzo dei nuovi strumenti della tecnologia, sulle sue conseguenze sulla società e la democrazia e suggerisce una soluzione alternativa, processuale, sistemica e circolare per costruire un’economia più collaborativa e solidale che con la sua applicazione può offrire orizzonti di speranza, equità e benessere per gli esseri umani e il Pianeta stesso.

Luigi Pastore

DSCF8455

ingegnere civile tra-sportista. E’ stato un manager, nell’area gestionale e commerciale, di importanti multinazionali; esperto di mobilità e logistica ha svolto la funzione di consigliere delegato in società del settore e ha redatto piani del traffico. Attualmente è vice pre-sidente dell’Agenzia per il trasporto locale delle province di Varese, Como e Lecco e svolge attività di consulenza di direzione manageriale e formazione sequenziale. Collabora con alcune riviste del settore ed è coautore dei volumi: Il recupero energetico degli edifici (ANIT)
; Modelli aziendali eccellenti (Promoimpresa Mantova); Entusiasmo (di)vino (Sintesi Media Edizioni). Ha pubblicato nel 2012, per Marte Edizioni, il testo Dal caos al cosmo, considera-zioni sulla gestione del capitalismo individua-le delle micro e piccole imprese.

Un’ora condividendo il Coaching

 

Giovedì 26 ottobre alle ore 18,30 presso la sala Montini, Fabrizio Decio presenta il suo libro Don’t walk in vain – coaching il tuo compagno di viaggio, modera Massimiliano Comparin, direttore editoriale di Edizioni dEste, partecipa al dibattito il preside dell’Istituto De Filippi, Giovanni Baggio. A seguire un aperitivo organizzato dagli studenti dell’istituto alberghiero.

Location:

Istituto Statale “De Filippi”

Scuola superiore a Varese

Via Don luigi Brambilla, 15

21020 Varese

mime-attachment