Gianni Spartà – Dimmi perchè parti – UNI3Varese

Martedì 19 settembre alle ore 15:30, presso l’aula magna dell’Università dell’Insubria in Via Ravasi 2 a Varese, per la rassegna Orizzonti, organizzata da UNI3Varese, Gianni Spartà presenta il suo ultimo libro: Dimmi perchè parti, un diario di viaggio in bici, a piedi, in barca e sulle ali

Presentazione standard1

Annunci

Gianni Spartà – dimmi perchè parti – Premio Chiara 2017

mercoledì 27 settembre ore 21.00

Villa Recalcati, Piazza Libertà 1, Varese
Gianni Spartà, Dimmi perché parti, Edizioni dEste

intervengono Ivan Basso, Giulio Clerici, Paola Ferrario Nava e Elia Luini conduce Pier Bergonzi

Una serata dedicata allo sport con campioni di ciclismo, vela, canottaggio e un medico sportivo che sveleranno i loro segreti, in occasione dell’uscita del libro di Gianni Spartà, un lungo racconto di viaggi compiuti in bicicletta, a piedi, in barca e sulle ali e dei mondiali di Gran Fondo organizzati dalla società ciclistica Binda.

Gianni Spartà, giornalista e scrittore. Tra le sue opere Paul&Shark, una storia italiana Quattroemme 2001, Mister Ignis – Giovanni Borghi nell’Italia del miracolo Mondadori 2002; per Macchione Ed. nel 2003 L’Officina del cielo, nel 2007 Romanzo industriale e nel 2015 Tutta un’altra storia.
Laureato in giurisprudenza, è editorialista del quotidiano La Prealpina e gestisce un blog personale.

Ivan Basso, Gallarate 1977. È uno dei migliori corridori di corse a tappe degli anni 2000: in sedici anni di professionismo (dal 1999 al 2015) ha vinto due edizioni del Giro d’Italia, nel 2006 e nel 2010, e si è piazzato per due volte sul podio al Tour de France. Nel 2011 ha pubblicato per Rizzoli la sua autobiografia In salita controvento, scritta con il giornalista varesino Francesco Caielli.

Giulio Clerici, Varese 1959. Medico chirurgo, specializzato in Medicina dello Sport. Medico Sociale Basket Cagiva Robur et Fides 1990, Solbiatese Calcio dal 1991 al 2001, Varese Calcio dal 2006 ad oggi. Attuale Vice Presidente della Ass. Medici Sportivi Varese e socio della Società Italiana di Cardiologia dello Sport. Direttore Sanitario Medicina dello Sport di Biandronno e Consulente al Campus e al Beccaria di Varese.

Paola Ferrario Nava, velista a livelli agonistici, medaglia al valore atletico, campionessa italiana di Laser e vice mondiale, laurea in Scienze Motorie. Conosce Tiziano Nava, velista di caratura internazionale, suo compagno di vita e di professione, con lui fonda la scuola Top Vela e hanno due figli. Master in Training Experiential Trainer, nasce così Top Active, società di team building all’avanguardia nell’organizzazione di attività formative per aziende e gruppi.

Elia Luini, Varese 1979. Ha iniziato il canottaggio a 11 anni e ha remato per 26 , 20 in Nazionale ad alto livello. La sua specialità era il Doppio Pesi Leggeri.
4 Olimpiadisputate, Medaglia d’argento alle Olimpiadi di Sidney 2000, 4 volte campione del mondo, nel 2004 record del mondo indoorowing, 20 titoli italiani .

Pier Bergonzi, vicedirettore de La Gazzetta dello Sport. Ha redatto libri sul ciclismo e sullo sport. E’ del 2010 il suo primo romanzo: L’ultimo gregario, ed. Rizzoli, dedicato a Fausto Coppi. Ha curato la realizzazione di video per la RCS, alcuni distribuiti allegati alla Gazzetta. Dal suo libro Pantani: un eroe tragico è stata tratta la fiction RAI “Il pirata – Marco Pantani”.

DIMMI PERCHE’ PARTI – in bici, a piedi, in barca, sulle ali – GIANNI SPARTA’

COMUNICATO STAMPA

DIMMI PERCHE’ PARTI – in bici, a piedi, in barca, sulle ali – GIANNI SPARTA’

E’ in uscita in libreria, nei primi giorni di giugno, il nuovo libro del giornalista varesino, di origini siciliane, Gianni Spartà.

Reduce dal successo delle sue pubblicazioni sulle storie della grande imprenditoria italiana, in particolare di “Mister Ignis – Giovanni Borghi nell’Italia del miracolo” (Mondadori 2002), da cui Rai Uno ha tratto una fiction in due puntate nel 2014, Spartà si lancia nella narrazione di un diario di viaggio grazie al quale ci porta in giro per il mondo con mezzi che permettono un contatto con la natura, con il territorio e con le persone, totalmente diverso da quello a cui siamo abituati. Spartà, da buon editorialista, entra anche nel merito della storia dei luoghi battuti e ci parla con il cuore in mano dei suoi incontri con persone comuni e con personaggi più noti di cui ci mostra l’aspetto inconsueto cogliendone la grande umanità.

“Meglio aggiungere vita ai giorni che giorni alla vita.” Disse Rita Levi Montalcini che si è goduta 103 primavere. In bici, a piedi, in barca e sulle ali, recita il sottotitolo di questo libro. E allora se la bici è passione inestinguibile e quindi Fuoco, i piedi sono Terra, la barca è Acqua e le ali sono ovviamente Aria. In queste immagini troviamo la suggestione dei quattro elementi declinati nelle quattro possibili forme del viaggio dell’anima, lungo un’intera vita.

copertina sparta fronte

Titolo: DIMMI PERCHE’ PARTI – in bici, a piedi, in barca, sulle ali

Autore: Gianni Spartà

©2017EdizionidEste

©2017GianniSpartà

ISBN: 9788898726677

Genere: viaggi, sport, cicloturismo, saggistica

Pagine: 200

Formato: brossura

Prezzo: 18,00 €

Uscita: maggio 2017

 
Sinossi

A questo libro ho pensato da una sella di bicicletta mentre in nove tappe andavo in Sicilia, in cinque a Parigi, in sette dalla Toscana alle Marche attraverso l’Italia più bella. Ho imparato di più camminando e pedalando che intervistando industriali, ministri, criminali e monsignori. Ho accumulato più conoscenza incontrando viandanti che consultando documenti di personaggi entrati nella storia. “Meglio aggiungere vita ai giorni che giorni alla vita.” Me lo disse Rita Levi Montalcini che si è goduta 103 primavere. In bici, a piedi, in barca e sulle ali, recita il sottotitolo di questo libro. E allora se la bici è passione inestinguibile e quindi Fuoco, i piedi sono Terra, la barca è Acqua e le ali sono ovviamente Aria. In queste immagini troviamo la suggestione dei quattro elementi declinati nelle quattro possibili forme del viaggio dell’anima, lungo un’intera vita.

gianni sparta
Gianni Spartà, giornalista, è nato a Messina e vive da sempre a Varese. Ha scritto libri di storia industriale, saggi d’attualità, biografie di famosi imprenditori. Tra gli altri: “Mister Ignis – Giovanni Borghi nell’Italia del miracolo” (Mondadori 2002), dal quale Rai Uno ha tratto una fiction in due puntate nel 2014; “Felice Rusconi, la carriera di un magutt” (Nicolini, 1986); “Vivere d’aria” (Macchione Editore, 2009); “Se lo dice lei” (Nicolini, 1995); “La tradizione del moderno – Storia della Mazzucchelli” (Macchione Editore, 1999) “Paul & Shark, una storia italiana” (Quattroemme, 2000); “Tutta un’altra storia” (Pietro Macchione Editore, 2015).

ALAN, storia di un sogno

Andrea Fogarollo

ALAN, storia di un sogno

ISBN: 9788898726165

copertina alan per sito

Per la prima volta raccontate in un libro, le vicende e i successi della ALAN, una piccola ditta, sorta a Saccolongo, in provincia di Padova, nel 1972 che ha scritto pagine importanti della storia del ciclismo italiano e mondiale e che ha saputo rivoluzionare l’idea di bici da competizione, introducendo materiali nuovi e sperimentando tecniche innovative e originali nella produzione dei telai.
Se oggi tutti i marchi mondiali producono bici in lega d’alluminio e in fibra di carbonio è anche per merito di questa piccola azienda veneta che, con coraggio e determinazione, ha saputo aprire una strada nuova nell’universo dei cicli da competizione.
Tra i campioni che hanno corso e vinto con i telai ALAN, ricordiamo almeno Zilioli, Basso, Bertoglio, Vandi, Gavazzi, Baronchelli, Beccia, Battaglin tra gli italiani; poi Thevenet, Kuiper, Lejarreta, Parra, Lucio Herrera, Johansson; nel ciclocross Vito Di Tano (due volte campione del mondo dei dilettanti) e Pontoni oltre ai vari Zweifel, Wolfsholl, Stamsnijder, Thaler, Kluge; infine tra i pistard Golinelli (due volte iridato), Brugna, Villa, Clark e Risi.